24.9 C
Foggia
9 Agosto 2022
Serie B

Ripescaggi, chi corre delle 9 retrocesse?

Per ripristinare il format federale a 60 del campionato di Prima Divisione Unica della Lega Pro nella stagione 2016/17 – seguendo le decisioni del presidente Gabriele Gravina – si deve ripartire dai 48 club ammessi in terza serie nazionale dal Consiglio Federale nella riunione del 19 luglio (“Lega Pro 2016-17, il format scende da 54 a 48“).

Per completare l’organico restano vacanti dodici posti. Si renderanno pertanto necessari 11 ripescaggi e 1 riammissione.

Possono partecipare alla procedura le 9 società di Lega Pro retrocesse in LND e 36 società di Serie D secondo la graduatoria stilata dalla LND (leggi QUI).

I club interessati dovranno presentare domanda entro le ore 19 del 26 luglio 2016 (leggi QUI).

Esaminiamo la situazione delle nove società retrocesse dalla Lega Pro in vista di una possibile presentazione della domanda per coprire i posti disponibili alla luce dei requisiti richiesti dalla normativa (in verde l’eventuale domanda non presenta criticità; in blu l’eventuale domanda presenta qualche criticità; in rosso l’eventuale domanda non sarebbe in linea con i requisiti richiesti).

– AlbinoLeffe. Con una lettera aperta apparsa sul sito ufficiale il presidente del club, Gianfranco Andreoletti, ha ampiamente ufficializzzato la domanda di ripescaggio in Lega Pro. La società lombarda ha già usufruito della procedura al termine dello scorso campionato. Pur essendo previsti previsti fino a due ripescaggi nell’arco di cinque anni, sulla possibilità di accedere nuovamente alla procedura l’anno immediatamente successivo sia normativa che giurisprudenza non sono chiari.

– Cuneo. Possiede tutti i requisiti rihiesti per essere ripescata e potrebbe fare domanda, ma ancora non c’è alcuna comunicazione ufficiale sulle decisioni della dirigenza.

– Pro Patria: penalizzata per lo scandalo del calcioscommesse.

– L’Aquila: penalizzata per lo scandalo del calcioscommesse.

– Lupa Roma. Il presidente del club, Cerrai, ha ufficializzato la richiesta di ripescaggio. Il direttore sportivo dei capitolini, Alessandro Luci, ha dichiarato che è stata ultimata la documentazione per partecipare alla procedura. Il club deve però dimostrare la disponibilità, entro e non oltre il 26 luglio, di uno stadio già perfettamente a norma. Non resta che attendere gli eventi.

– Savona. penalizzata per lo scandalo del calcioscommesse;

– Ischia: penalizzata per inadempienze finanziarie;

– Lupa Castelli Romani. La società si chiama adesso Racing Club Roma. La Lupa Castelli è stata penalizzata per mancata presentazione della fideiussione (circostanza che potrebbe non escludere il ripescaggio come nel caso del Melfi) l presidente del club, Antonio Pezone, afferma di aver già presentato negli scorsi giorni la domanda di ripescaggio in Lega Pro e di aver risolto i problemi con lo stadio. La squadra giocherà allo stadio Casal del Marmo di Roma, nella struttura dell’Astrea. Secondo lo stesso dirigente sarebbe stato ottenuto il benestare di Questura e Federazione. Non resta che attendere gli eventi.

– Melfi. La società è stata penalizzata due stagioni fa per mancata presentazione della fideiussione (circostanza che potrebbe non escludere il ripescaggio). È stata appena deferita per non aver corrisposto entro il 18/4/16 le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli emolumenti per le mensilità di gennaio e febbraio 2016 (nel qual caso la penalizzazione decorrerebbe dalla prossima stagione). Il club sembrerebbe intenzionata a presentare domanda.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Potrebbero interessarti:

Catanzaro, è addio con Kamara

Domenico Carella

Akragas, non solo partite di campionato

La Redazione

ciao marta, x curiosità, ma questo levacomediconi che vedi nell’immagina a destra è lo stesso che hai preso tu?

La Redazione