30.9 C
Foggia
2 Luglio 2022
Foggia Calcio

Cozza: “L’Andria se la giocherà alla pari. Il Foggia Calcio ha da perdere qualcosina in più”

Fidelis Andria – Foggia è il derby pugliese della 27^ giornata del girone C di Lega Pro. Una sfida molto attesa da entrambe le squadre chiamate a dar seguito ai recenti successi ritrovati rispettivamente contro Messina e Lupa Castelli. A presentare la gara del Degli Ulivi per la rubrica “Occhi puntati su…”, questa settimana, è Ciccio Cozza, ex centrocampista di Cagliari, Lecce, Genoa e soprattutto Reggina. Con gli amaranto è stato uno degli storici capitani oltre ad esserne attualmente il tecnico. Infatti i calabresi, dopo la ripartenza dai dilettanti, che ha ribattezzato la Reggina in Reggio Calabria, hanno scelto di affidarsi al tecnico di Cariati e al momento stazionano in quarta posizione nel girone I di Serie D.

Le due protagoniste sono squadre che dopo un momento buio hanno ritrovato la vittoria. Quanto sarà importante questo derby per entrambe?
“Un derby è sempre importante, questo per motivi differenti. Credo che il Foggia abbia da perdere qualcosina in più rispetto alla Fidelis se si tiene in considerazione l’ottimo organico che detiene e gli obiettivi prefissati. La Fidelis sono dell’idea che tutto sommato se la giocherà alla pari”.

D’accordo quindi nell’affermare che è una gara più determinante per i rossoneri che per gli azzurri?
“Sì! Ma attenzione, la gara è importante per entrambe. Forse per il Foggia un pò di più”.

Nelle fila della Fidelis Andria Strambelli e Grandolfo difficilmente giocheranno dal primo minuto. A loro si aggiungono Ferrero e Garcìa, infortunati. Quanto potrebbero pesare le assenze?
“Le assenze sono sempre pesanti ma sono dell’idea che la forza di questa squadra sia rintracciabile nel gruppo. Un gruppo compatto, una squadra organizzata. Un calo era preventivabile oltre che lecito in un campionato come questo dove la società federiciana credo rientri ampiamente nei progetti societari. Certo, se poi dovesse arrivare qualcosa in più tanto di guadagnato”.

I derby non si giudicano in base alla classifica e solitamaente possono anche azzerare la forza reale delle protagoniste. Quale potrebbe essere il fattore determinante per lei?
“Credo l’attenzione e la concentrazione. In queste gare vince chi sbaglia meno. Certo il Foggia ha qualche elemento in più a livello di individualità per poter rompere gli equilibri. Dall’ altra parte sono convinto che la Fidelis potrà far leva su un gruppo giovane ma solido”.

fonte: tuttofidelis

Potrebbero interessarti:

Turchetta, att. Foggia Calcio: “Col Palermo spensierati ma cattivi. Il gol mi ha sbloccato”

Domenico Carella

Allo Zaccheria è “Epic Ranieri”, come Brozo, ma senza la stessa fortuna…

Domenico Carella

Il Diavolo e l’Acquasanta, il Subbuteo, la telefonata ad Antonio Bordon e altro ancora nella 12° puntata

La Redazione