28 C
Foggia
28 Maggio 2022
Dirette Foggia Calcio

Il Foggia Calcio rallenta con la Juve Stabia: solo 1-1 allo Zaccheria

Inizia con un pareggio il 2016 del Foggia, fermato in casa da una attenta e cinica Juve Stabia. Non bastano la rete di Iemmello né tutto il secondo tempo a disposizione per trovare il vantaggio: l’1-1 finale lascia l’amaro in bocca al pubblico dello Zaccheria.

PRIMO TEMPO – Il calcio torna allo Zaccheria di domenica pomeriggio e 10000 spettatori provano a spingere gli uomini di De Zerbi verso la vetta in attesa della Casertana in posticipo.
In panchina gli ultimi arrivati Vacca e Chiricò, mentre è in campo a sorpresa Riverola in luogo di Gerbo.
Al 4’ Foggia pericoloso con una punizione calciata a lato da Sarno.
Juve Stabia in vantaggio all’11’ quando Riverola perde palla nella propria trequarti a vantaggio di Nicastro che calcia di precisione da fuori area beffando Narciso.
Al 16’ i rossoneri sfiorano il pari con Floriano che, servito da Riverola, non riesce a centrare i pali; un minuto più tardi Iemmello fallisce una comoda occasione da rete calciando alto con la porta spalancata davanti e vanificando uno splendido assist di Angelo.
A questo punto è il Foggia a dover accelerare i ritmi ma i rossoneri sembrano fare fatica a scardinare l’attenta retroguardia stabiese.
Al 28’ Sarno ci prova da fuori ma la sua conclusione termina alla sinistra del portiere Polito; al 31’ Iemmello sfiora il palo di testa ancora su cross di Angelo, davvero in palla quest’oggi.
Il Foggia alza i ritmi e ottiene tre corner in rapida sequenza: nell’ultima occasione Iemmello trova il pari svettando di testa e superando Polito, anche grazie all’aiuto del palo.
Il pareggio rossonero sveglia la Juve Stabia che si affaccia dalle parti di Narciso grazie all’intraprendenza del terzino destro Romeo, pericoloso con i suoi cross.
Si chiude con Sarno che calcia sul portiere campano non riuscendo a finalizzare al meglio un rapido schema su punizione ben orchestrato da Floriano e Agnelli.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con una sostituzione per il Foggia: fuori Riverola, dentro Gerbo.
Al 4’ viene annullata una rete a Iemmello che ribatte in rete una corta respinta di Polito su tiro di Angelo: tutto inutile secondo l’assistente Rossini, dato che il centravanti rossonero era in posizione irregolare al momento della conclusione del terzino brasiliano.
Qualche minuto dopo Narciso salva il Foggia chiudendo bene su Nicastro, liberatosi in area dopo un uno-due col compagno Del Sante.
Al 10’ Sarno, in posizione di trequartista, serve un assist al bacio ad Agnelli che però sbaglia la conclusione. Un minuto più tardi esce Floriano ed entra Chiricò, all’esordio in maglia rossonera.
Al 18’ il Foggia va vicino al vantaggio con Iemmello che calcia sul fondo da buona posizione; qualche minuto dopo è Chiricò che non riesce a finalizzare un’azione nata da una palla recuperata da Gerbo.
Alla metà della ripresa è il Foggia a dettare i tempi del match, cercando pazientemente di scardinare la difesa stabiese, con i campani che non rinunciano a ripartire in contropiede; in uno di questi casi ancora Nicastro non riesce a finalizzare con precisione un cross dalla sinistra di Contessa.
Al 29’ è il Foggia ad andare in contropiede con Chiricò: l’attaccante ex-Prato serve Iemmello che conclude debole e centrale.
Ci prova ancora il Foggia nel finale (dentro anche Viola per Agnelli), ma è la Juve Stabia ad andare vicina al vantaggio all’88’ con Bombagi: attento Narciso.
L’arbitro Paolini fischia la fine dopo 3 minuti di recupero: termina 1-1 allo Zaccheria.

 

FOGGIA – JUVE STABIA 1-1 (finale)
MARCATORI – 11′ Nicastro (JS), 37′ Iemmello (F)
FOGGIA (4-3-3) – Narciso; Angelo, Loiacono, Gigliotti, Di Chiara; Agnelli (81′ Viola), Coletti, Riverola (46′ Gerbo); Sarno, Iemmello, Floriano (56′ Chiricò).
A disp.: Micale, Tarolli, De Giosa, Agostinone, Sicurella, Riverola, Lodesani, Adamo, Vacca, Chiricò.
All. Roberto De Zerbi
JUVE STABIA (4-4-2) – Polito; Romeo, Polak, Migliorini, Liotti; Cancellotti, Obodo, Favasuli, Contessa (79′ Arcidiacono); Nicastro (72′ Bombagi), Del Sante (62′ Gomez).
A disp.: Russo, Carillo, Carrotta, Maiorano, Bombagi, Gatto, Arcidiacono, Caserta, Padovani, Ripa, Mascolo, Gomez.
All. Nunzio Zavettieri
ARBITRO – Paolini di Ascoli Piceno (Rossini / Viola)
AMMONITI – 88′ Arcidiacono (JS), 90′ Favasuli (JS)
ESPULSI
ANGOLI – 10-1
RECUPERO – 1′ pt, 3′ st
NOTE

Potrebbero interessarti:

Il prossimo avversario. Vittoria del Benevento in trasferta: cronaca e tabellino

Domenico Carella

Rassegna Stampa: doppietta di Giglio, parata di Narciso. Il Foggia fa dieci: la corsa continua

La Redazione

Foggia Calcio, Lunerti: «Sarà festa, come quando scendemmo con gli elicotteri sullo Zaccheria»

Domenico Carella