28 C
Foggia
28 Maggio 2022
Futsal

ASD MANFREDONIA C5. La rimonta dei sipontini si infrange sui legni e sulla parete di Capuano

Canosa in avanti di due reti, il Manfredonia recupera, sciupa, e così, al suono della sirena, sono i padroni di casa a raccogliere l’intera posta in palio. E’ in sintesi il film della partita andata in scena oggi pomeriggio, la trama è avvincente, ricca di colpi di scena, tra parate di Capuano, pali, traverse, gol segnati e gol mancati, gli attori protagonisti non fanno mancare nulla al pubblico presente sugli spalti. L’inizio gara è lento, il Canosa, abituato alla superficie ruvida e alle misure ‘ridotte’ del campo, gioca a memoria, al Manfredonia, invece, occorrono diversi minuti per memorizzare le nuove distanze e adattare così giro palla e trame di gioco. Nel momento in cui il motore bianco-celeste entra a pieni giri, i ragazzi di Miki Grassi iniziano a spaventare il quintetto canosino. Qui comincia il Capuano show, il portiere del Canosa è decisivo in almeno quattro interventi, senza le sue parate, probabilmente i sipontini avrebbero esultato un paio di volte. Cose del futsal, cose che capitano. Come pure le disattenzioni, una di queste è fatale al Manfredonia, Calamita non si lascia pregare e porta in avanti i suoi. Sulle ali dell’entusiasmo, arriva anche il raddoppio con una bella azione manovrata finalizzata in rete da Rueda. Finisce così il primo tempo di Canosa – Manfredonia. Nella ripresa la trama si fa più avvincente, il Manfredonia attacca a testa bassa, il Canosa si difende, il solito Capuano fa di tutto per sbarrare la strada ai bianco-celeste, poi deve arrendersi quando Montagna firma la sua personale doppietta, è 2-2. Il pareggio non soddisfa ancora il roster sipontino, serve la vittoria. E così vengono imbastite nuove azioni degne di nota, Capuano è in serata di grazia e non si lascia superare. Trascorrono i minuti, a tre minuti dalla fine è un calcio d’angolo a stravolgere nuovamente le cose per il Manfredonia. Palla forte e tesa che colpisce Zago tra testa e petto, il Canosa è in vantaggio. E’ un gol che fa male, nonostante la ferita aperta, i sipontini trovano nuove energie e si riversano in avanti, mister Grassi inserisce anche il portiere di movimento, quello di casa, invece, è in versione spiderman, da lì non si passa più. La gara così volge al termine, a trenta secondi dalla fine arriva il quarto gol ancora con Calamita. Seppur triste per i colori bianco-celeste, è questo il finale di Canosa – Manfredonia. A fine match è un Miki Grassi amareggiato, incredulo per le azioni da gol sciupate e per l’esito della partita tant’è che quasi non riesce a parlare. “E’ difficile commentare una gara del genere – dice con tono triste il tecnico del Manfredonia C5 -, abbiamo sciupato l’impossibile e pagato a caro prezzo gli errori”.

UFFICIO STAMPA ASD MANFREDONIA C5

Potrebbero interessarti:

Futsal maschile. Manfredonia Calcio a 5: i sipontiti si congedano in casa con una vittoria

La Redazione

ASD MANFREDONIA C5. L’Under chiude la regular season con il ko della capolista Salinis

La Redazione

POLISPORTIVA TORREMAGGIORE. Buon pari in amichevole. E intanto arrivano tre spagnoli

La Redazione