12.1 C
Foggia
1 Marzo 2024
Foggia Calcio

PLAY-OFF. Il Matera fa fuori il Pavia, Juve Stabia fuori contro il Bassano

Play-off Lega Pro, il Matera fa fuori il Pavia. Top & Flop della gara

Nonostante si sia trovato di fronte un Pavia ben organizzato, il Matera ha superato il suo quarto di finale ed ha avuto accesso alle semifinali dei play-off: sono stati soprattutto i cambi ad aver dato ai lucani la possibilità di ottenere il passaggio al turno seguente, in particolare azzeccata l’introduzione di Pagliarini autore di due gol, ma i lombardi dal secondo tempo in poi hanno forse rinunciato a giocare. Nel primo tempo Matera più propositivo, ma il Pavia riesce a imbrigliare la squadra di Auteri che si rende pericolosa con un tiro di Coletti, ma occasione anche per i lombardi con Cesarini che dalla distanza non trova la porta. Poi nella ripresa la compagine di Vavassori osa qualcosa in più, e dopo undici minuti il nuovo entrato Cogliati lavora un pallone per Marchi che da pochi passi non sbaglia. A quel punto i lucani attaccano, segnano anche una rete con Flores, annullata dall’arbitro, il Pavia si fa più rinunciatario e il Matera trova il pari a quindici minuti dalla fine con Pagliarini, che si libera di Biasi e va alla conclusione di sinistro battendo Facchin. Gli ospiti provano poi a schiarirsi un po’ le idee e Rosso va alla conclusione senza però trovare la porta. Anche in questa gara i prolungamenti sono inevitabili, come a Bassano e ad Ascoli Piceno: ci prova di più il Matera con una conclusione di Diop respinta da Facchin, e nel secondo supplementare su cross di Bernardi Diop calcia alto da due passi. Il gol è nell’aria, difatti al 119′ Bernardi mette in mezzo l’ennesimo pallone, Pagliarini è appostato sul secondo palo e tira, Facchin non riesce a evitare il 2-1. Matera ancora ai play-off contro il Como, Pavia che dovrà ritentare l’anno prossimo la promozione in B. IL TABELLINO DELLA GARA MATERA (3-4-3): Bifulco 6, Flores 6, Faisca 6, D’Aiello 6,5, Bernardi 6,5, Coletti 6,5, Iannini 6 (96′ Di Noia 6), Mazzarani 6,5, Madonia 5,5 (70′ Diop 6), Letizia 6, Carretta 6 (71′ Pagliarini 8). Allenatore: Gaetano Auteri 8. PAVIA (4-4-1-1): Facchin 5,5, Ghiringhelli 6, Biasi 6, Abbate 6,5, Marino 5,5 (79′ Cardin 6), Carotti 5,5 (54′ Cogliati 6,5), Rosso 6, Pederzoli 6, Cesarini 6 (104′ Soncin ng), Ferretti 6, Marchi 6,5. Allenatore: Giovanni Vavassori 5,5. Arbitro: Rapuano di Rimini 6. RETI: 56′ Marchi (Pv), 75′ e 119′ Pagliarini (Mt). NOTE: ammoniti Bernardi, Letizia, Mazzarani e Pagliarini (Mt), Abbate, Rosso, Pederzoli e Marchi (Pv). TOP Pagliarini (Matera): premia la scelta di Auteri di mandarlo in campo in quel momento della partita, quando gli avversari non concedevano molti spazi. Ripaga il mister con due gol. INCISIVO Abbate (Pavia): il centrale difensivo è quello che là dietro regge meglio di tutti gli altri, soffrendo soprattutto per l’inserimento di Diop in campo. SOLIDO Mister Auteri (Matera): ha messo in campo Pagliarini al posto di Carretta, che pure ha giocato un’ottima stagione, mantenendo inalterato il canovaccio tattico della sua squadra che ha continuato ad attaccare. La sua fortuna è stata nell’indovinare i cambi perché il nuovo entrato ha risolto la gara. DECISIVO FLOP Facchin (Pavia): gioca abbastanza bene, ma è sfortunato perché la conclusione di Pagliarini al minuto 119 arriva sul suo palo, e lui non riesce a intercettarla. Troppo tardi per recuperare. INDECISO Madonia (Matera): chiusi tutti gli spazi, l’attaccante fa più fatica del solito a essere pericoloso per gli avversari e Auteri opta per la sua sostituzione. FUORI GARA Carotti (Pavia): subisce molto l’aggressività dei mediani lucani e difatti il mister lo sostituisce con il tornante Cogliati, più bravo ad attaccare. FRENATO.

Play-off Lega Pro, Bassano ok ai rigori, Juve Stabia fuori. Top&flop della gara

In una giornata dal clima praticamente estivo il Bassano di mister Asta ha avuto la meglio allo stadio Mercante nel momento della verità, eliminando la Juve Stabia ai rigori. Le vespe recriminano per una traversa e per un gol non concesso a Gomez, ma contro il Bassano visto oggi non era facile nemmeno tenere il risultato sul pareggio fino all’ultimo. Nel primo tempo i portieri hanno poco lavoro da sbrigare anche perché le difese sono piuttosto aggressive e concedono poco agli attaccanti, però il Bassano colpisce per primo al minuto 21: calcio d’angolo di Iocolano e conclusione di Davì, non considerato dai difensori stabiesi che controllavano gli attaccanti veneti, nulla da fare per Pisseri. Sembrerebbe facile il compito per i giallorossi che però pochissimi minuti più tardi non riescono a evitare il pareggio della Juve Stabia: cross di La Camera per Bombagi che di testa non lascia scampo a Grandi. Nel secondo tempo occasione clamorosa per Di Carmine che approfitta di una distrazione di Bizzotto e colpisce di leggero interno, ma la sfera finisce fuori porta di pochi centimetri, per contro i bassanesi cercano di sviluppare azioni dalle fasce e cross per Pietribiasi che però non sembra nella sua giornata migliore: il centravanti a metà ripresa tenta un pallonetto che si perde però nettamente oltre la trasversale. Altra palla gol clamorosa per Samuel Di Carmine che anticipa Bizzotto e coglie la traversa con Grandi che aveva deviato, a dieci minuti dalla fine. I supplementari sono inevitabili, la stanchezza comincia ad affiorare, e subito dopo pochi giri di lancette Iocolano incrocia il destro trovando Pisseri pronto alla respinta, poi in un’azione ancora successiva un tiro a effetto di Cenetti è finito a lato. A due minuti dal centoventesimo Gomez, entrato da poco, va in rete su cross di Cancellotti ma secondo l’arbitro ha commesso fallo su Toninelli e la rete non è valida. Si deve andare ai rigori e la sequenza è favorevole al Bassano poiché Grandi respinge un penalty calciato centralmente da Bombagi, e Iocolano segna l’ultimo e decisivo tiro dal dischetto: veneti alle semifinali e il sogno della Serie B continua. IL TABELLINO DELLA GARA BASSANO (4-2-3-1): Grandi 7; Toninelli 6,5, Priola 6,5, Bizzotto 6, Semenzato 6; Davì 7, Proietti 6,5 (82′ Cenetti 6); Furlan 7, Nolè 6,5 (108′ Cattaneo ng), Iocolano 7; Pietribiasi 5,5 (75′ Maistrello 6). Allenatore: Antonino Asta 6,5. JUVE STABIA (4-2-3-1): Pisseri 6,5; Cancellotti 6,5, Polak 6,5, Migliorini 6,5, Contessa 6; Jidayi 6,5 (106′ Burrai ng), La Camera 6,5; Nicastro 5,5 (82′ Ripa 6), Bombagi 5,5, Carrozza 6,5; Di Carmine 7 (108′ Gomez ng). Allenatore: Marco Savini 6,5. Arbitro: Serra di Torino 6,5. RETI: 21′ Davì (B), 23′ Bombagi (JS). NOTE: ammoniti Proietti (B), Migliorini (JS), Di Carmine (JS), Nicastro (JS), Bizzotto (B), Toninelli (B). SEQUENZA RIGORI: La Camera (JS) gol, Davì (B) gol, Gomez (JS) gol, Furlan (B) gol, Ripa (JS) gol, Semenzato (B) gol, Bombagi (JS) parato, Cattaneo (B) gol, Burrai (JS) gol, Iocolano (B) gol. TOP Centrocampo e trequarti del Bassano: Furlan, Iocolano e Nolè svariano tanto e si cercano pane e gloria sugli esterni. A proteggerli la cerniera formata da Davì e Proietti. COORDINATI Jidayi (Juve Stabia): regge più che può alla fatica dovuta all’elevata temperatura, dando un deciso supporto alla linea difensiva. A un dato punto deve uscire per crampi. GENEROSO Grandi (Bassano): salva un paio di volte la propria porta nel secondo tempo regolamentare, poi nella sequenza dei rigori respinge su Bombagi. PRESENTE Di Carmine (Juve Stabia): l’attaccante non è produttivo nel primo tempo in fase di conclusione, ma nella ripresa gioca meglio e meriterebbe almeno un gol. VOLENTEROSO FLOP Bombagi (Juve Stabia): nel modulo di Savini parte come centrocampista e poi va a dare fastidio alla linea difensiva a quattro dei veneti. Suo il gol del pari, ma è suo anche l’errore fatale dal dischetto. SFORTUNATO Pietribiasi (Bassano): il centravanti non è nella sua migliore giornata. Nel secondo tempo fallisce più di un’occasione importante. Quando esce, i suoi tifosi sportivamente lo incoraggiano. GIORNATA STORTA

fonte: tuttomercatoweb

Potrebbero interessarti:

Due gol ai Lupi. Il Foggia Calcio brinda ai playoff

Domenico Carella

Di Piazza: “Con il Foggia Calcio cinque mesi meravigliosi ma mi aspettavo…”

La Redazione

Foggiasport24.com ha un amico in più

Domenico Carella