30.9 C
Foggia
29 Giugno 2022
Serie B

Ischia, Di Bello: “Tifosi, stateci vicini. Nuovi soci? Solo con le giuste garanzie”

In casa Ischia si lavora in campo per cercare di invertire la tendenza, ma la società è all’opera per fare in modo di potersi sostenere e quindi perseguire una gestione virtuosa con una politica di giovani. I gialloblù sono una squadra tra le più giovani e l’amministratore Vittorio Di Bello ne va fiero, anche se poi (dice) è importante che la società sia sempre coerente con la propria politica. Nell’intervento a TuttoLegaPro.com Di Bello attribuisce i risultati negativi che ci sono stati alla poca serenità, per questo gli isolani sono in ritiro a Serino.

“Dopo un inizio che era stato tutto sommato buono da parte della nostra squadra, qualcosa è cambiato. Come succede un po’ da tutte le parti, in piazze come la nostra in cui c’è il mare di mezzo, i tifosi sentono in maniera particolare la situazione della squadra, per questo abbiamo deciso di venire in ritiro a Serino. Il problema nostro non è la squadra, anche perché abbiamo un progetto giovani nel quale noi crediamo. Abbiamo valutato che uno dei problemi è la confusione nel territorio: si era persa un po’ di serenità”.

La situazione economica dell’Ischia come si può definire?

“E’ una situazione abbastanza buona. Ci sono delle piccole passività risalenti al passato, ma superabili. Con il sostegno dei soci è stata fatta una ricapitalizzazione, e un aiuto l’ha fornito l’ex presidente Carlino. Il progetto partiva da una base relativa al settore giovanile, al limite sull’età media e alla valorizzazione dei giovani, questo è il cardine del progetto dal quale non ci smuoveremo. Qualche situazione non è stata condivisa all’interno della società, però se perdessimo di vista il progetto sui giovani, qualora ci fosse qualche imprenditore interessato a fare calcio ad Ischia e a farlo con me, deve essere in grado di portare le giuste garanzie”.

Si era fatto il nome del consulente Enrico Fedele.

“Fedele è una persona che stimiamo, e ci ha dato dei suggerimenti. Sarebbe anche gradito un suo ingresso nei quadri, ma la questione da risolvere prioritariamente è quella societaria. Chiunque dovesse venire a Ischia, deve trovare il giusto equilibrio in società. Il progetto che avevamo valutato di attuare è fatto bene, perché stiamo cercando di centrare tutti i criteri che ci ha chiesto la Lega Pro: abbiamo 280 tesserati nel settore giovanile, forse siamo la prima società italiana che ha questo progetto”.

Ci saranno interventi sul mercato?

“Sicuramente. Ci lavoreremo già da adesso in vista di gennaio, ma adesso stiamo valutando in che maniera poter riequilibrare il tutto. Abbiamo fatto una campagna iniziale guardando il progetto, e anche il mercato di gennaio avrà la stessa linea”.

Che messaggio lancia al tifoso ischitano che in questo periodo è deluso?

“Anche io sono di Ischia, quindi capisco lo stato d’animo dei tifosi. Devono stare tranquilli e avere fiducia, perché il ritiro di Serino serve proprio a ricompattare lo staff e la squadra: sono state fatte anche delle scelte coraggiose, e posso assicurare che i giocatori hanno il giusto spirito per dare rispetto ai tifosi in campo e giocarsi la partita”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Lecce, uno striscione per far cambiar idea al presidente

La Redazione

Catanzaro, trasferta di Aversa vietata ai tifosi giallorossi

La Redazione

Salernitana, Menichini: “Ripartiamo subito con entusiasmo e determinazione”

La Redazione