18.2 C
Foggia
20 Maggio 2024
Foggia Calcio

Cellini presenta Iemmello: «è un romantico, Foggia è la sua piazza ideale»

[clear-line]

«Pietro Iemmello è un romantico del calcio e Foggia è la piazza ideale per lui». Il parere, autorevole, è quello di Luca Cellini, giornalista di AGI/Italpress (per cui è l’inviato al seguito della Nazionale di calcio italiana) e Calciomercato.com, profondo conoscitore del mondo della Fiorentina e dello sport gigliato. A lui e alla sua esperienza è affidata l’analisi del colpo di mercato messo a segno dal Foggia.

CARATTERISTICHE – «Pietro Iemmello è la più classica prima punta di movimento, ovvero l’attaccante che fa da riferimento offensivo terminale ma che partecipa anche alla costruzione del gioco. Il suo tecnico alla Primavera della Fiorentina, Renato Buso, oggi uno dei vice di Eugenio Corini al Chievo Verona, lo ha trasformato da bomber da ultimi venti metri, a guizzante uomo dal centrocampo in su. Specie nel suo ultimo anno nel settore giovanile gigliato, dove fu capocannoniere del girone C con la Fiorentina Primavera, era un cecchino quasi infallibile».

ARIETE – I dati parlano chiaro, 19 gol in 23 partite giocate con i viola. Uno score che fece gridare all’enfant prodige. «Le perle della sua carriera sportiva viste sotto i miei occhi sono la rete e l’assist nel febbraio 2010 al Varese, in una semifinale della Coppa Carnevale a Viareggio, ed i gol da trascinatore che condussero la Fiorentina in finale di Coppa Italia, sulla Roma, all’Olimpico, cui Iemmello non giocò perché squalificato nel match di ritorno. Voluto fortemente da Pantaleo Corvino a Firenze, ama giocare con un elemento più alle sue spalle che di fianco e vive di cross dagli esterni, essendo un eccellente colpitore di testa».

RILANCIO – La sua carriera negli ultimi anni ha conosciuto una piccola battuta di arresto. Un anno con poche partite giocate e solo un gol realizzato. «Al Novara era partito male ma poi scomparso per demotivazione tecnica. Anche allo Spezia la stessa cosa. Se posso dire una cosa, non passando da ruffiano, un terrone come me, come Iemmello, si esalta nella piazza dove viene amato e coccolato, e Foggia è il terreno giusto per un romantico come lui. Se è stato voluto da De Zerbi, che sarebbe stato, fosse ancora calciatore, il partner perfetto in attacco per uno come Iemmello, quest’ultimo ha un futuro roseo in maglia rossonera».

Potrebbero interessarti:

Foggia Calcio, Grassadonia: “Questa partita dobbiamo giocarla di testa sfruttando gli episodi”

La Redazione

Amichevole a Modugno

La Redazione

Il Foggia si presenta alla città e ai tifosi

La Redazione