28.9 C
Foggia
16 Luglio 2024
Serie B

Ischia, Nigro: “Non dobbiamo guardare la classifica né fare tabelle di marcia”

 

Nicola Crisano, diesse dell’Ischia, gli ha fatto i complimenti dalle colonne del sito ufficiale ssischiaisolaverde.it per l’ottima prestazione di Cosenza. Lui, Elio Nigro, risponde così: “Questi attestati di stima fanno sempre piacere, ringrazio Crisano. Da parte mia li giro a tutta la squadra, anche a coloro che domenica sono rimasti in panchina: tutti hanno dato un contributo affinchè l’Ischia tornasse a casa con un risultato positivo”.

L’ottavo consecutivo, per l’esattezza. Un trend che lascia ben sperare per il futuro perché “dopo un avvio di campionato difficile – spiega il centrocampista gialloblu – la squadra progressivamente è cresciuta sul piano del gioco ed ha trovato un assetto che le consente di fornire prestazioni positive con una certa continuità”.

Riuscendo a fare risultato anche su campi come quello di Cosenza, dove la squadra di Campilongo ha fronteggiato nel migliore dei modi la capolista rispondendo colpo su colpo. Al gol di Calderini, infine, ha replicato De Francesco. Il giovane centrocampista, che era già andato a segno a Salerno, ci sta prendendo gusto anche perché “lui – sottolinea Nigro – ha una certa confidenza con la porta avversaria e sa farsi trovare al posto giusto nel momento giusto”.

Il posto dell’Ischia, in questo momento, è il quinto sia pure in abbondante compagnia. La domanda è: dove può arrivare questa squadra? Ecco la risposta di Nigro: “Io dico che non dobbiamo guardare la classifica né fare tabelle di marcia, ma pensare ad ogni singola partita affrontandola come se fosse quella della vita”.

La prossima è con il Melfi. “Squadra tosta – sottolinea Nigro -: buon collettivo e anche ottime individualità. Domenica al Mazzella dovremo state molto attenti”.

fonte: tuttolegapro

 

Potrebbero interessarti:

Aprilia, confermato il silenzio stampa

La Redazione

Melfi, Berardino: “Spero di poter condurre la squadra alla salvezza”

La Redazione

Empoli, scelto il successore di Vivarini

La Redazione