36.7 C
Foggia
15 Luglio 2024
Dirette Serie B

MELFI: il presidente Maglione coinvolto in storie di clan

Giuseppe Maglione, presidente del Melfi, risulta vittima di estorsione nell’udienza preliminare che si sta svolgendo a Potenza nei confronti dei maggiorenti del clan “Quelli del castello”. Maglione sarebbe stato obbligato a versare un pizzo di 3.000 euro nonché ad assumere nelle sue aziende due persone imparentate con due diversi boss.

Stando a quanto riporta ilquotidianodellabasilicata.com, però, sono state depositate nel fascicolo dell’udienza le dichiarazioni di un pentito, tale Saverio Loconsolo, che sta collaborando con la giustizia. E queste dichiarazioni coinvolgono anche Maglione: “Massimo Cassotta (uno dei boss, ora in carcere, ndr) ci incaricò di uccidere un tale Pastore, detto ‘lupo bianco’, perché era considerato responsabile del furto avvenuto ai capannoni di Maglione, dove peraltro era impiegato come custode“, ha affermato Loconsolo. “Ma quell’omicidio non venne mai fatto“.

Starà agli inquirenti determinare perché un boss come Cassotta avesse deciso di far uccidere il responsabile di un furto avvenuto nella ditta di Maglione. Tenendo anche conto delle dichiarazioni di Loconsolo inserite in un recente verbale, ancora una volta riguardanti il presidente della società gialloverde: “Quando ero in carcere mi venivano mandati dei soldi in piccole quantità e a volte Caggiano, per tramite di Giuseppe Maglione, pagava le rate della macchina di mia moglie. Non so perché Giuseppe Maglione mi pagava le rate della macchina, ma sono a conoscenza che Maglione era sotto estorsione dei Cassotta: lo stesso lavoro dato alle mogli di Marco Ugo e di Massimo Aldo (le due persone menzionate all’inizio, ndr) è frutto di estorsione. La moglie di Marco Ugo praticamente non andava mai a lavorare“.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Catania, Pancaro: “Tre punti fondamentali”

La Redazione

Messina, richieste portoghesi per un portiere

La Redazione

Coppa Italia Tim, il 31 luglio via al primo turno. Ecco tutte le date

La Redazione