2.9 C
Foggia
23 Gennaio 2022
Foggia Calcio

Il Foggia schianta anche la Casertana. Festa in casa, 2 a 0 e secondo posto

Le reti di Sarno e di Sainz-Maza chiudono il conto, festa allo Zaccheria. Dopo Andria e Messina, bloccata la corsa dei campani. Morale alto, la vetta si avvicina

Dopo Andria e Messina a Foggia cade un’altra capolista. Questa volta è il turno della Casertana, regolata dai rossoneri con un netto 2-0. Le reti di Sarno su rigore e di Sainz-Maza rendono solo in parte merito all’enorme mole di gioco proposta dagli uomini di De Zerbi e la goleada è stata arginata da tre pali e da un pizzico di imprecisione negli ultimi metri. Con questa vittoria i rossoneri bloccano la fuga della Casertana, ora distante cinque punti e si accomodano al secondo posto in compagnia dei cugini del Lecce.

Il monologo rossonero
La gara è un lungo monologo rossonero. Il Foggia viaggia a ritmo tambureggiante e mette subito le cose in chiaro. Al 10’ Sainz-Maza divora un calcio di rigore in movimento: Iemmello è bravo a recuperare palla a un difensore avversario, poi lo spagnolo è incredibilmente impreciso nella conclusione tutto solo davanti al portiere. Palla a lato. Al 16’ una mischia in area viene sbrogliata da Idda, lesto nel soffiare il pallone a Sarno pronto alla conclusione. Al 23’ lo stesso Sarno conclude alto da buona posizione, intralciandosi con il compagno Gerbo. Al 28’ il Foggia sfiora ancora una volta la rete. Radente dalla destra di Angelo e tap in di Maza che si stampa sulla traversa, sulla ribattuta Iemmello viene murato in angolo da Idda. Mira imprecisa e sfortuna fermano il Foggia anche alla mezz’ora, quando una punizione dal limite di Gigliotti esce di un soffio a lato del palo.

Gioco e tre pali
Nella ripresa le emozioni non tardano ad arrivare. Al 3’st Murolo incorna su calcio d’angolo ma la palla lambisce il palo. Dopo un minuto il Foggia passa: radente di Maza e sinistro al volo di Sarno che si stampa sul palo. Gerbo si avventa sul pallone ma viene steso da Rainone. E’ rigore. Lo stesso Sarno lo trasforma interrompendo il digiuno da gol dei rossoneri che durava da 297 minuti. E il Foggia non si ferma. All’11’st Iemmello entra in area come un treno e calcia da posizione defilata, ma la sfera esce di un soffio. Per il raddoppio è solo questione di tempo e arriva al 14’st con una bordata dal limite di Sainz-Maza. Un tiro che lascia di sasso il portiere e libera la gioia dello Zaccheria. Al 22’ il Foggia coglie il terzo legno del match. Questa volta è Rainone di testa a colpire la traversa della propria porta su calcio di punizione di Sarno. Lo stesso attaccante al 33’st, con una precisa punizione, impegna il portiere alla deviazione in angolo. In pieno recupero Idda prova l’incornata vincente ma si infrange sulle mani di Narciso. Al fischio finale è festa grande allo Zaccheria, che celebra al meglio i novant’anni dalla sua costruzione.

fonte: domenico carella – corriere del mezzogiorno

Potrebbero interessarti:

IL GIUDICE SPORTIVO. Foggia Calcio, Coletti salterà la gara contro la Casertana

La Redazione

Foggia calcio: c’è lo Spezia degli esterni “prototipo Marino” e di una… freccetta che scorrazza sull’out sinistro

Gianpaolo Limardi

Akragas – Foggia Calcio, le novità e le probabili formazioni

La Redazione