10 C
Foggia
19 Gennaio 2022
Serie B

Cosenza, il diesse Condò: “Abbiamo un importante progetto”

 

Soddisfatto al termine del calciomercato il direttore sportivo del Cosenza Luigi Condò, avvicinato all’AtaHotel di Milano. I silani hanno operato in uscita, dato che già nei giorni precedenti si erano assestati nel mercato in entrata, con due centrocampisti (Asante e Corsi) e due attaccanti (Chinellato e Partipilo). L’obiettivo è arrivare alla Divisione Unica. Anche se non al primo posto, è sufficiente che la squadra giunga tra le prime otto posizioni in Seconda Divisione.

“Sicuramente nella fase finale del calciomercato abbiamo fatto poco – spiega Marino – perché i colpi conclusivi li avevamo fatti già qualche giorno fa, come Asante, Chinellato, Corsi, Partipilo, e in pratica avevamo già definito tutto in entrata. Abbiamo cercato di fare delle uscite nell’ultimo giorno, e sembra che ci siamo riusciti, ad eccezione di Carrieri che rimarrà con noi a Cosenza. Inoltre Adamo è tornato al Parma. Penso che il mercato sia stato positivo da parte nostra perché abbiamo ridotto l’età media della squadra, e l’importante è continuare a fare bene, perché in una piazza come Cosenza l’importante è continuare a fare punti”.

L’abbiamo vista parlare con alcuni operatori di mercato di club importanti: di cosa si è parlato?

“Si parlava di giovani in prospettiva per il futuro del Cosenza. La nostra società è guidata da un presidente che ha grandi obiettivi, quindi è anche giusto cercare di instaurare contatti con delle società che possano dare dei contributi al Cosenza per un futuro roseo”.

L’obiettivo del Cosenza è arrivare primo?

“Mah, la regola dice che arrivando nei primi otto posti si accede alla Divisione Unica. Noi ci troviamo in questa posizione di primato e cerchiamo di onorarla, pur sapendo che sarà difficile, perché ci sono altre squadre come Casertana, Foggia e Teramo che sono valide. Noi dobbiamo fare bene e cercare di portare più pubblico possibile allo stadio, perché è importante avere i tifosi al seguito. Ci auguriamo che il cambiamento delle temperature ci permetta di avere il grande pubblico”.

Il progetto cosa prevede per il futuro?

“Per ora di futuro non voglio parlare: mi interessa il presente. Dobbiamo cercare di fare bene fino alla fine, poi una volta arrivata la fine si parlerà di tutto il resto. L’importante è continuare questo progetto fino alla fine, e cercare di portare il Cosenza ad avere delle prospettive importanti. Il presidente Guarascio ci ha messo nelle condizioni di poter fare calcio nel migliore dei modi, e noi cerchiamo di dare a Cosenza sportiva ciò che merita”.

 

fonte: tuttolegapro

 

Potrebbero interessarti:

Ds Catanzaro: “Esonero Moriero? Situazione ambientale difficile”

Domenico Carella

Ds Juve Stabia: “Esonero di Pancaro non programmato”

La Redazione

Aversa Normanna, il portiere Prisco ha lasciato il ritiro

La Redazione